SolEnsemble esegue musiche di Roberto Scarcella Perino – Firenze, Villa La Pietra, 7 giugno 2017 h21

Home / Eventi / Archivio / SolEnsemble esegue musiche di Roberto Scarcella Perino – Firenze, Villa La Pietra, 7 giugno 2017 h21

SolEnsemble

esegue un concerto interamente dedicato a musiche del compositore Roberto Scarcella Perino:

 

Le Passioni dell’Anima

Azione in musica per voci femminili, soprano solista e pianoforte su testo di Federica Anichini

La Scolta (prima esecuzione assoluta)

Madrigale rappresentativo, per mezzo soprano, coro femminile e pianoforte su testo di Gian Maria Annovi

.

7 giugno 2017 ore 21

Limonaia di Villa La Pietra, Firenze

.

Ingresso su prenotazione (per informazioni: info@solensemble.it)

video "World Premiere - The Season- Villa La Pietra, June 7, 2017" di Roberto Scarcella Perino
ROBERTO SCARCELLA PERINO

Nato a Messina, si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio Corelli di Messina con Sonja Pahor (a cui è dedicata la sua Sonata n.1 per pianoforte) ed in Composizione al Conservatorio Martini di Bologna. Si è laureato inoltre con il massimo dei voti al DAMS di Bologna con una tesi in Analisi Musicale sulla musica russa di A. Skrjabin. Ha poi approfondito i suoi studi di Composizione studiando con Azio Corghi all’Accademia di Santa Cecilia a Roma e all’Accademia Petrassi di Milano.
Dopo aver vinto diversi premi, tra cui il Concorso Internazionale “Un’opera per l’infanzia” di Perugia (1998) ed il Concorso Internazionale di Analisi Musicale “Nicolas Slonimskij” (Bologna, 1995), ha insegnato Analisi Musicale presso la Fondazione Arturo Toscanini di Parma per quattro anni, prima di trasferirsi definitivamente a New York. Ha scritto musica per teatro, coro, orchestra, musica da camera, due concerti per pianoforte e orchestra, musica da film e ha studiato direzione d’orchestra con Vincent La Selva alla Julliard School of Music di New York.
È l’autore di tre opere: A caval donato, libretto di Flora Gagliardi, opera per (e con) ragazzi presentata con successo nel 1999 al Teatro Verdi di Pisa, poi al Teatro Vittorio Emanuele di Messina ed alla Casa Italiana della New York University; Verdi, Merli e Cucù, opera per marionette, attori e cantanti su libretto di Gustavo Marchesi, presentata al Teatro Verdi di Busseto nel 2001; Blackout, fiaba lirica per 5 solisti, coro di voci bianche, 4 strumentisti ed un ballerino, presentata nel 2003 al Tarrytown Music Hall di New York, al Teatro Savio di Messina e al Piccolo Regio di Torino su libretto di Roberta Faroldi.
Presso la Casa Italiana della New York University sono stati anche eseguiti i suoi balletti: Colapesce, Basket Dance e Constellations, e la cantata per pianoforte e coro di voci bianche de Le passioni dell’aria su testi di Federica Anichini. La versione per coro e orchestra de Le Passioni dell’aria è stata eseguita nel maggio del 2015 a Firenze a Palazzo Vecchio, al Salone degli Innocenti, al teatro Verdi e al Teatro La Pergola.
Roberto è un Senior Lecturer e docente di Italian Opera presso la New York University e Scholar in Residence all’American Institute for Verdi Studies.
www.robertoscarcellaperino.com
FEDERICA ANICHINI

Federica Anichini has obtained a PhD in Italian Studies at New York University. In 2009 she published the monograph Voices of the Body. Liminal Grammar in Guido Cavalcanti ‘Rime’, about the employment of sources from natural philosophy, medicine in particular, in the poetry of Guido Cavalcanti. her current research centers on the relationship between urban environment and creativity, specifically on the relation of medieval Florence to its vernacular poetic tradition. Her most recent pubblications include the article Inferno IX: Passing within City Walls and beneath the ‘velame de li versi strani’ (Mediaevalia 33 (2012)) and the essay In Dialogue with the Imageless Vision: Constructing Language in Paradiso III (in Dante and Heterodoxy: The Temptation of Radical Thought in the 13th Century. Symposium Proceedings, Cambridge: Cambridge Scholars Press, 2014).
Federica Anichini teaches Italian in the Department of Modern Languages and Literature at Fordham University.
She works on a book of Dante.
GIAN MARIA ANNOVI

Nato a Reggio Emilia nel 1978, è professore di Letteratura Italiana a Los Angeles, presso la USC – Univerisity of Southern California. Come poeta ha pubblicato: Denkmal (l’Obliquo, 1998); Terza persona cortese (d’if, 2007); Self-eaters (Mazzoli, 2007); Kamikaze e altre persone (Transeuropa, 2010); Italics (Nino Aragno, 2013); La scolta (nottetempo, 2013). Nel 2006 ha vinto il premio “Mazzacurati-Russo” e nel 2013 il concorso “Immaginare poesia” di Pordenonelegge e il Premio Achille Marazza per la Poesia Giovane. Le sue poesie sono incluse in numerose antologie.
Come critico ha pubblicato il volume di saggi Altri corpi. Poesia e corporalità negli anni Sessanta (Gedit, 2008) e numerosi interventi in riviste e volumi collettivi in Italia e negli Stati Uniti. Ha curato l’antologia bilingue della poesia di Antonio Porta Piercing the Page: 1959-1989 (Los Angeles: Seismicity, 2012), l’edizione trilingue di Impromptu di Amelia Rosselli (Toronto: Guernica, 2014) e i volumi Fratello selvaggio: Pier Paolo Pasolini tra gioventù e nuova gioventù (Transeuropa, 2012) e Anna Maria Ortese: Celestial Geographies (Toronto: University of Toronto Press, 2015).
Scrive per Alias-Il Manifesto e collabora con alfabeta2.
Related Posts